Cucire, vestire, unire

Ciò che facciamo, il nostro fine e la ragione del nostro essere

FIORI ALL'OCCHIELLO

Il progetto ha portato nel 2014 alla realizzazione di un laboratorio sartoriale dove attualmente lavorano 7 persone di nazionalità differenti: Amal del Marocco, Ndeye e Assane del Senegal e Yong Shuang dalla Cina, in qualità di sarti; Gabriela della Bolivia, come responsabile di produzione; Grazia, modellista, e Chiara, coordinatrice del progetto.

Il contesto nel quale è nata la Sartoria è quello di Baranzate: il primo Comune d’Italia per concentrazione di migranti residenti (33% su 11mila abitanti).  Il territorio comprende complessivamente 72 etnie diverse. Più della metà degli abitanti non è nata in Italia e proviene per un quarto dall’Europa dell’Est, un quarto dall’Africa, un quarto dall’Asia e un quarto dall’America latina. Il 70% dei migranti residenti a Baranzate vive nell’area del Villaggio Gorizia, un piccolo triangolo ad alta densità abitativa.

LA ROTONDA

“Una Rotonda è di facile accesso, ben delimitata, ma senza cancelli di esclusione. Una Rotonda ha un centro che serve come riferimento fondamentale, ma la vita si svolge tutta nella sua periferia. Una Rotonda non ha mai l’obiettivo di trattenere al suo interno, semmai di inviare altrove. In questa Rotonda ci sono precedenze da rispettare: i poveri.” (Estratto dallo Statuto)

L’associazione La Rotonda nasce nel 2010 su volontà di alcuni soci fondatori il cui intento è quello di promuovere iniziative a carattere sociale, educativo, formativo e lavorativo per il Quartiere Gorizia, di comune accordo con la Parrocchia. Negli anni, la Rotonda ha saputo avviare uno stile di lavoro interamente rivolto all’accoglienza e alla gestione dei bisogni emergenti dal quartiere inaugurando un modello operativo in grado non solodi generare prossimità, ma anche di far emergere risorse interne al quartiere stesso.

vai al sito la rotonda >

AMAL

Sarta

GABRIELA

Sarta

NDEYE

Sarta

LI

Sarta

ASSANE

Sarto

GRAZIA

Modellista

CHIARA

Coordinatrice

PECULIARITA'

La sartoria di Fiori all’Occhiello ha costruito il proprio core business intorno al concetto che “la diversità è bellezza e produce beni preziosi da valorizzare”. I prodotti sartoriali creati hanno l’intento di veicolare, attraverso la loro forma/tessuto/rifiniture, un contenuto di natura sociale: l’integrazione delle differenze genera bellezza, valore e ricchezza per il territorio. Lo stesso nome della sartoria richiama questo sfondo culturale: i fiori all’occhiello adornano i vestiti di feste importanti. Le nostre donne e uomini sono fiori: nati nelle difficoltà e per questo ancora più preziosi. Proprio per mostrare attraverso sensazioni visive e tattili i concetti sopra descritti, scegliamo per i nostri prodotti tessuti nobili mixati a dovere con tessuti etnici: da questo intreccio nascono prodotti innovativi in grado di coniugare il gusto occidentale con la ricchezza di mondi lontani. La componente sociale non può prescindere dalla qualità tangibile del prodotto:l’aspetto sociale ha valore solo come “reassuring evidence”.

 

SKILLS

CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO
100%
REALIZZAZIONI CONTO TERZI
70%
CRESCITA E FORMAZIONE
95%
CONDIVISIONE
100%

DICONO DI NOI

CHI SIAMO | Fiori all'Occhiello